-

Sistema di allarme perimetrale

sistema-allarme-perimetrale

In un articolo precedente  abbiamo già parlato diffusamente degli impianti di allarme, in questo ci soffermeremo solo sugli allarmi perimetrali.

Che cos’è un allarme perimetrale

Un allarme perimetrale è una delle migliori soluzioni per proteggere la vostra abitazione. Come dice il nome, l’allarme perimetrale sorveglia il perimetro di una proprietà, edificio o giardino che sia, grazie a sensori disposti sugli infissi o per delimitare il perimetro. Gli allarmi perimetrali segnalano l’intrusione all’interno dello spazio delimitato, inviando un segnale alla centralina dell’impianto e facendo scattare quindi la sirena o le chiamate a seconda di come sia composto e studiato il vostro impianto.

L’errore più comune è pensare che tutti gli edifici e le abitazioni abbiano bisogno degli stessi impianti di allarme perimetrali. Ogni allarme ha bisogno di una fase di studio e progettazione fatta da tecnici esperti che possano individuare i punti deboli di un edificio e quindi ricercare la soluzione ideale per proteggerlo.

In genere i sistemi di allarme perimetrale si distinguono in due macro categorie in base alla presenza o meno dei fili. L’allarme perimetrale via filo prevede la stesura filare (almeno 4 fili) di tutti i cavi necessari. Questa soluzione è abbastanza dispendiosa anche se era l’unica tecnologia disponibile fino a poco tempo fa. L’allarme perimetrale wireless (o senza fili) permette la comunicazione tra i vari dispositivi tramite la tecnologia wi-fi, permettendo anche di aggiungere ulteriori dispositivi ad un impianto già esistente in caso di necessità. Il ricevitore universale si installa vicino la centralina di allarme, permettendo di collegare senza fili tutti i singoli sensori, fino a 9 elementi.

Quali sono le tipologie di allarmi perimetrali?

Al momento esistono in commercio quattro tipologie di allarmi perimetrali, usati a seconda degli edifici e delle specifiche necessità:

  • Barriera a microonde: adatto per l’installazione in zone con visibilità ridotta, nebbiose o piovose. Funziona grazie all’installazione di colonnine lungo il perimetro e rileva il passaggio di persone all’interno dell’area da proteggere.
  • Sensori a infrarossi: utilizza però le barriere a infrarossi invece delle microonde per rilevare il passaggio all’interno del perimetro.
  • Sensori interrati: questo sistema permette di interrare completamente l’impianto di allarme perimetrale.
  • Cavo microfonico o a fibra ottica: in realtà si tratta di due sistemi di allarme perimetrale Con cavo microfonico si intende una serie di sensori posizionati su recinzioni metalliche. Qualora qualcosa dovesse sfiorare la rete, i sensori invierebbero un segnale sonoro ai cavi in modo da decifrare la situazione e, se necessario, far scattare l’allarme. Il cavo a fibra ottica ha un funzionamento simile al precedente ma attiva l’allarme quando uno dei fili della rete metallica viene reciso.

A seconda di ogni specifica necessità, i tecnici altamente qualificati di G.B.Capelli sapranno consigliarvi e illustrare tutte le soluzioni più adatte al vostro caso, contattaci per scoprire cosa possiamo offrirti!

0 Comments
Share

Reply your comment:

Your email address will not be published. Required fields are marked *