Archivi mensili:agosto 2019

automazione-cancelli-elettromeccanici-oleodinamici-un-sistema-grande-efficacia

Se si parla di automazione cancelli elettromeccanici o oleodinamici, scegliere tra le due opzioni non è affatto semplice. Si tratta di due sistemi in grado di svolgere la stessa funzione, in fondo, ma progettati in maniera differente e, di conseguenza, strutturati per resistere a tipologie differenti di stimoli. Occorre, quindi, fare chiarezza.

Cosa scegliere?

I cancelli elettromeccanici funzionano con un motore elettrico in grado di stimolare il meccanismo e di permettere l’apertura e la chiusura del cancello stesso. I cancelli con sistema oleodinamico, invece, hanno nel loro impianto un sistema dotato di motore sempre elettrico che aziona una pompa con cui viene aperta una valvola che rilascia una piccola dose di olio e permette al meccanismo di azionarsi.

A fare la differenza tra automazione cancelli elettromeccanici o oleodinamici è il tipo di contesto in cui verranno installati i due sistemi. Se il primo tipo di motore può essere una buona soluzione per il contesto domestico, in cui un cancello viene aperto un numero limitato di volte, un sistema oleodinamico può essere invece adatto a cancelli di aziende o altre realtà in cui le parti meccaniche sono sottoposte ad uno stress continuo.

Ovviamente, come in tutte le cose materiali a fare la differenza è la qualità del prodotto e dei materiali utilizzati, il sistema oleodinamico Hydromagik®, è pensato e costruito per garantire efficienza e funzionalità assolute, durature anzi possiamo definirlo eterno e soprattutto riparabile.

Noi di GB Capelli riusciamo a distinguerci dagli altri, perché invece di pensare ad una produzione industriale con il solo obiettivo di vendere, potremmo anche dire svendere sempre più pezzi, con il nostro team diamo voce alle esigenze dei clienti personalizzando le richieste e spiegando che una buona manutenzione è una pratica sana per contribuire al mantenimento delle ottime condizioni di funzionamento di Hydromagik®, questa è da effettuarsi con regolarità in base ai ritmi di lavoro della macchina, contrastando appunto le produzioni industriali, portatrici oggi di quella che viene definita obsolescenza programmata.

Un parere dagli esperti

L’ideale è effettuare un sopralluogo per capire quale sistema di automazione cancelli elettromeccanici o oleodinamici possa essere il migliore. I modelli a disposizione sono davvero tanti e il rischio è quello di perdersi tra tante proposte. Per questo motivo, ti consigliamo di contattare i nostri addetti e di scegliere con loro il prodotto più adatto: scrivici o vieni a trovarci in sede!

 

 

 

0 Comments
Share
automatismo-per-cancello-scorrevole-il-sistema-che-dura-nel-tempo

L’automazione di un cancello scorrevole rappresenta una grande comodità, ma questa deve impiegare componenti di qualità ed essere realizzata ad opera d’arte per poter garantire un funzionamento ineccepibile. Soltanto il contemporaneo verificarsi di queste due variabili garantisce la durata nel tempo dell’attrezzatura.

Il cancello scorrevole che installiamo noi di GB Capelli deriva dal know-how che abbiamo acquisito, unito alla nostra mission che ci vede impegnati nella continua ricerca di innovazioni. Due costanti che ci hanno portati alla realizzazione di una soluzione rivoluzionaria dedicata all’automatismo per cancello scorrevole.

Basandoci sulle nostre conoscenze acquisite in 50 anni di attività e applicandole alle esigenze della clientela abbiamo concepito Idroscorrevole®: l’unica automazione oleodinamica per cancelli. Fortemente voluto, coscienziosamente e meticolosamente concepito prima, e realizzato, questo automatismo per cancello scorrevole è per noi motivo di orgoglio. La sua tecnologia, completamente oleodinamica, porta con sé particolari caratteristiche di garanzia nel funzionamento e nella sicurezza d’esercizio. Due elementi indispensabili quando si entra nel campo dell’automazione per cancelli scorrevoli.

Teniamo a sottolineare quanto l’automatismo per cancello scorrevole porti con sé una serie di requisiti imprescindibili, per garantire perfezione di funzionamento e assoluta sicurezza del macchinario in qualunque momento.

Siamo molto precisi in quello che facciamo, perché la persona è sempre al centro dei nostri pensieri. Abbiamo implementato un sistema di autodiagnosi della compagine safety deputata al costante mantenimento delle condizioni di sicurezza. Questa si attiva ogni volta che il cancello scorrevole riceve un input al movimento. Non solo, il sistema viene anche dotato di un criterio che interrompe il moto qualora venga rilevata la presenza di un ostacolo fisico che offra una resistenza meccanica inferiore a quella che il cancello oppone nel momento in cui si avvia.

In questo modo ci assicuriamo prestazioni alla massima efficienza operativa. Inoltre, abbiniamo l’indispensabile grado di sicurezza che deve caratterizzare questi meccanismi. Caratteristiche che, naturalmente, certifichiamo con il rilascio delle Dichiarazioni di Conformità.

0 Comments
Share
automatismi-cancelli-due-ante-pratici-ed-efficaci

Gli automatismi per cancelli a due ante sono uno degli accessori per edifici più utili. Evitano di dover scendere da un veicolo, bagnandosi, per aprire e chiudere le ante. Permettono di aprire il cancello stando comodamente seduti su un mezzo o dall’interno della casa, senza dover per questo uscire fuori. Piccole grandi comodità della tecnologia applicata…

Noi di Gb Capelli, abbiamo intuito questa necessità sin dal 1962, quando è nato il sistema di automatismo Hydromagik®, continuando in tutto questo tempo a migliorarlo ed evolvendo i materiali che lo costituiscono, adattandoli alle tecnologie e innovazioni attuali.

In GB Capelli abbiamo passato gli ultimi 50 anni cercando di migliorare la qualità della vita dei nostri clienti, fornendo loro impianti di diverso tipo, fra cui quelli dedicati all’automazione per cancelli. Ma non ci siamo accontentati di fornirli e renderli operativi. Abbiamo dato ascolto alle richieste dei nostri clienti, capito le loro esigenze, fatti nostri i loro bisogni.

Lo abbiamo fatto mettendo insieme i report del nostro T.I.E. (il Team di Intervento Esterno) con quelli della sezione commerciale. Abbiamo riportato queste esigenze all’ufficio tecnico che le ha sviscerate e studiate. Ne è nato un progetto che è stato realizzato dalla nostra officina. La sinergia di tutte le nostre competenze negli automatismi per cancelli a due ante, il know how come viene chiamato oggi, ci ha permesso di creare Hydromagik®, un impianto a tecnologia esclusiva e brevettata, un equipaggiamento per l’automazione dei cancelli a battente a funzionamento oleodinamico.

Abbiamo voluto creare Hydromagik® versatile, polivalente, proprio per essere applicato, a qualunque tipo di cancello a uno o due battenti, senza doverne modificare la struttura. Ma volevamo che Hydromagik® fosse anche efficace: le caratteristiche del suo movimento sincronizzato e della velocità di rotazione lo rendono adatto pure per l’impiego sui portoni in vetro e in quelle strutture dove deve essere preservato il silenzio. Infine Hydromagik®, è altamente estetico: il meccanismo viene interrato in un contenitore stagno a filo pavimento o a filo soletta, a seconda delle esigenze. Questo fa di Hydromagik® la soluzione ideale anche in quelle situazioni in cui è imperativo preservare l’impatto estetico esistente.

Ça va sans dire, per tutti i nostri automatismi Hydromagik® per cancelli a due ante forniamo le Dichiarazioni di Conformità che ne certificano la qualità del nostro operato.

0 Comments
Share
automatismi-cancelli-battente-risolvere-sempre-un-problema

Solitamente, l’applicazione dei meccanismi che asserviranno il movimento dei battenti di un cancello non è propriamente quello che si definisce un esercizio di stile. Sia il motore che gli organi di movimento occupano il loro spazio e, comunque, una volta montati rimangono a vista.

È risaputo che anche l’occhio vuole la sua parte e guardare un bel cancello diventa deludente quando ospita degli elementi che esteticamente stonano con l’insieme. In GB Capelli non pensiamo sollo alla tecnica, ci piace che questa diventi elemento di complemento all’ambiente che la ospiterà. Per questo motivo, i nostri automatismi per cancelli a battente godono della soluzione Hydromagik®, un rimedio sicuro, definitivo e duraturo nel tempo.

Il lavoro svolto ha visto impegnate le varie competenze aziendali, dall’officina all’ufficio tecnico, basandosi sui report che servizio commerciale e team di intervento rilasciano a proposito di esigenze e richieste della clientela. Assunta l’esigenza del cliente finale di non installare solo un meccanismo tecnicamente sicuro, ma anche versatile e integrabile nell’ambiente circostante, è scaturita l’idea di progettare un sistema alternativo a quelli esistenti.

Hydromagik® è una singolarità negli automatismi per cancelli a battente. Viene incassato a piano pavimento e le sue caratteristiche costruttive ed operative ne permettono l’impiego nella realizzazione di soluzioni ad hoc su specifiche esigenze del cliente, anche quando queste richiedano la posa sotto piano pavimento oppure sotto soletta. Un camouflage perfetto, in grado di soddisfare a pieno anche le esigenze estetiche più sofisticate e che non ha eguali quando si parla di automatismi per cancelli a battente.

Un’altra peculiarità del nostro sistema Hydromagik®, automazione ideata per cancello battente, è che può essere applicato ad ogni tipo di cancello senza doverne modificare la struttura. Il suo funzionamento oleodinamico lo rende particolarmente adatto all’impiego su portoni a vetro o in luoghi dove è necessario mantenere il rumore all’interno di standard ben definiti. Naturalmente, l’installazione può avvenire, indifferentemente, sia su cancelli ad una che a due ante.

Una soluzione che, oltre all’affidabilità, porta con sé anche un basso costo di gestione, caratteristica che riscuote sempre un certo interesse.

Inoltre un ultimo aspetto fondamentale è che la spesa sostenuta con GB Capelli, installando al tuo cancello un nostro automatismo, rientra nel bonus fiscale per l’anno 2019, previsto per le ristrutturazioni edilizie, con detrazioni fino al 50%, in aggiunta all’IVA agevolata del 10%.

Per poter usufruire di tale detrazione IRPEF, occorre pagare le fatture dei lavori con bonifico bancario o postale da cui risulta la causale del versamento, il codice fiscale di chi paga, il codice fiscale o partita IVA di chi effettua i lavori.

0 Comments
Share
risparmia-con-le-agevolazioni-fiscali

Bonus ristrutturazione 2019, risparmia il 50% con le detrazioni fiscali

L’agevolazione fiscale del bonus ristrutturazione edilizia è disciplinata dal Dpr 917/86 e consiste in una detrazione dall’Irpef delle spese sostenute per unità immobiliare. Con l’attuale Legge di bilancio, visto l’ultimo aggiornamento dall’Agenzia delle Entrate,  sono ammesse  detrazioni fiscali per 2019 per le spese sostenute sino al 31 dicembre  al 50%  con un limite massimo di spesa ancora pari a 96.000 euro  (dal gennaio 2020, salvo ulteriori proroghe, tornerà alla misura originaria: 36% di detrazione con un tetto di spesa a 48.000 euro). Lo stesso importo è detraibile per chi acquista frabbricati a uso abitativo  ristrutturati.

Ormai lo sappiamo, la detrazioni viene ripartatita in 10 anni, con rate dello stesso importo. Sappiamo che beneficiare della detrazioni il proprietario, il titolare di un diritto reale di godimento (usufrotto, uso, abitazione o superficie), l’inquilino o il comodatario.

Possono beneficiarne anche i soci di cooperative e di società semplici, gli imprenditori individuali solo per immobili non strumentali a condizioni che ne sostengano le spese. Il diritto è esteso a familiari conviventi e il componente dell’unione civile purchè ne sostengano le spese e siano intestatari di bonifici e fatture.

Quali sono gli interventi ammessi

Sono ammassi all’agevolazione fiscale del bonus ristrutturazione i lavori sulle unità immobiliari residenziali riguardanti:

  • la manutenzione straordinaria, il restauro , la conservazione e la ristrutturazione ediliza effettuati sulle singole unità immobiliari; parliamo in questo caso di installazione di ascensori e scale di sicurezza, di realizzazione e miglioramento dei servizi igienici, di sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia diinfisso, di ifacimento di scale e rampe, di recinzione dell’area privata, di costruzione di scale interne.
  • la manutenzione ordinaria e straordinaria, il restauro, la conservazione e la ristrutturazione ediliza sulle parti comuni degli edifici condominiali residenziali;
  • la riscostruzioni o i ripristini in seguito a eventi calamitosi;
  • il restauro e il risanamento conservativo;
  • la realizzazione di autorimesse e posti auto, anche di proprietà comune;
  • l’eliminazione di barriere architettoniche;
  • la realizzazione di strumenti idonei a favorire la mobilità interna ed esterna per le persone portatrici di handicap (L104/92);
  • la bonifica dell’amianto;
  • l’esecuzione di opere adatte a migliorare la sicurezza domestica, anche per la riparazione di impianti insicuri (per esempio la riparazione di una presa malfunzionante); la cablatura degli edifici;
  • le opere finalizzate al risparmio energetico: fotovoltaico, climatizzazione, solare termico;
  • le misure adottate al fine della prevenzione di atti illeciti.

Sono inoltre incluse le spese relative a progettazione e prestazioni professionali, oneri. imposte.

Accedere al bonus ristrutturazione è semplice

Pochi e semplici sono i passi che permettono di accedere alla detrazione: la segnalazione di inizio lavori alla ASL competente (quando previsto) e il pagamento delle spese con bonifico bancario “parlante”.

Successivamente è sufficiente indicare nella dichiarazione dei redditi i dati relativi all’immobile e conservare la documentazione completa nel caso di richiesta da parte degli uffici competenti.

le novità rispetto agli anni precedenti

Due sono le novità introdotte dal 2019:

la prima, al fine di monitorare il livello di risparmio energetico raggiunto in seguito agli interventi,  è necessario,  entro 90 giorni dalla fine dei lavori, trasmettere all’Enea direttamente dal loro sito la comunicazione degli interventi effettuati.

la seconda, è stata introdotta la possibilità per il contribuente di cedere il credito derivante dagli interventi di ristrotturazione al proprio fornitore (solo se d’accordo) e chiedere lo sconto in fattura: una procedura delicata che merita un approfondimento.

 

 

0 Comments
Share